gli archetipi femminili e maschili

AFRODITE

AFRODITE
Dea dell’amore e della bellezza. 
Afrodite fa ciò che vuole come Artemide, Atena ed Estia, ma al tempo stesso può legarsi agli uomini e avere figli. 
Si concede di avere un’esperienza emotiva, senza essere per forza in un vincolo. 
Non è la vittima nelle sue relazioni. Il sentimento che la sospinge è il desiderio e viene ricambiata.
Afrodite comunica, abbellisce, crea, consuma.
L’energia di Afrodite è ispiratrice, sogna e crede che quel sogno possa diventare realtà. 
Afrodite è un archetipo istintivo, come Era e Demetra, e come loro può creare e procreare, ma soprattutto Afrodite si innamora spesso e volentieri. 
Nelle società patriarcali viene vista come amante, prostituta, tentatrice. 
In realtà Afrodite è una forza immensa di cambiamento e di nuova vita. La creatività è collegata all’energia sensale e sessuale, un’immersione sensoriale. Si può dire che Afrodite incarna l’energia del secondo chakra. 
Spesso Afrodite ha interessi per l’arte, la poesia, la danza o la musica come strumenti di espressione e creazione. 
Afrodite è magnetica, carismatica, ma non sempre attira gli uomini giusti. 
DI solito Afrodite si accompagna a uomini come: 
– Efesto, creativo, complesso, difficile ed emotivo
– Ares, emotivo, tempestoso, appassionato
– Ermes, che non vuole essere marito né padre
 Afrodite a volte può essere malvista dalle altre donne, soprattutto dalle donne Era, spesso Afrodite si circonda di donne simpatiche e spontanee come lei che non la giudichino. 
L’esperienza è la miglior maestra per la donna Afrodite che impara errore dopo errore e imparerà ad utilizzare l’emotività in modo meno impulsivo.